logo fipsas

Acque dell'Alto Sarca

 

La zona dell’Alto Sarca, nel Trentino occidentale, è una delle destinazioni leader in Italia per la pesca. I 300 km di acque, in concessione all’Associazione Pescatori A.S., comprendono acque correnti e lacustri, alcune a carattere torrentizio e soggette al disgelo, altre a carattere fluviale con portate regolari.

La popolazione ittica è composta da trote marmorate, anche di grossa taglia, fario autoctone e di immissione, iridee, ibridi, temoli e, nei diversi laghetti di alta montagna, i salmerini. 
Il corso principale del Fiume Sarca, facilmente accessibile dalla strada carrabile, presenta un alveo quasi tutto naturale, con una portata abbondante, profonde buche e buona corrente. La varietà degli ambienti e la creazione di zone specifiche per ogni tecnica di pesca soddisfano le esigenze di ogni tipo di pescatore.

L'accordo con FIPSAS e Associazione Pescatori Alto Sarca prevede:

Acque ferme: Lago di Ponte Pià.

Acque correnti: Fiume Sarca (dal Ponte di Ragoli fino al Lago di Ponte Pià).

La popolazione ittica è composta da trote marmorate, trote fario sia autoctone che di semina, ibridi e temoli.
Nel bacino di Ponte Pià, oltre a trote iridea di immissione, sono presenti trote fario, carpe di notevoli dimensioni, scardole, persici, cavedani e barbi.
Tutte le tecniche di pesca danno buoni risultati, specilmente nei mesi estivi.

 ATTENZIONE!

Al fine di evitare contestazioni siete pregati di annotare sul libretto catture sia la tipologia di pesce catturato che la relativa misura così come riportato nell'esempio qui a lato.

Qui il link al sito di riferimento dell'associazione Alto Sarca